Sempre guardata, mai osservata

Vogliamo davvero conoscere nuove persone, uscirci e frequentarle?

Per noia o per divertimento siamo sempre lì, con il telefono in mano, per matchare e scrivere a qualcuno che potrebbe essere interessante e affine al nostro carattere: cerchiamo qualcuno con caratteristiche uniche, una bellezza disarmante e così affabile nei rapporti sociali che non potrebbe mai far fare una misera figura al partner. Insomma, ricerchiamo un’ideale perfetto.

Negli anni ho scoperto le donne delle quali i poeti si sono innamorati, come Beatrice per Dante oppure Laura per Petrarca: donne inesistenti, fittizie, immaginate dall’uomo che le credeva “angeli del focolare”. Mai irascibili, mai sgradevoli.

Ma è stata l’Ars Amatoria a sferrare il colpo finale. Nel libro III, dedicato alle regole rivolte alle donne per conquistare un uomo, alcuni versi ammoniscono la donna a soffocare gli impeti rabbiosi sia per non rovinare la bellezza ma anche perché “Noi (uomini) detestiamo le fanciulle meste. Gente allegra, solo donna contenta c’innamora!”.

E allora l’altro?

L’altro ce lo racconta Ruby Sparks.

Questa commedia romantica del 2012, sceneggiata da Zoe Kazan, ci rivela come l’idealizzazione è una malattia incurabile.

Il protagonista, Calvin, cerca disperatamente di non rimanere solo e così comincia a scrivere di una donna perfetta tanto fisicamente quanto caratterialmente: una donna che, finalmente, lo legherebbe per sempre. Ed è proprio grazie alla sua macchina da scrivere che l’inchiostro si trasforma in sangue: Ruby appare sulla scena, perfetta come lo era sulla carta. Allora? Cosa potrebbe andare storto?

Ruby vuole ricominciare a studiare e uscire con i suoi nuovi amici togliendo però del tempo al suo fidanzato. Ecco allora che quest’ultimo la riscrive: vuole una ragazza che stia sempre con lui, senza estranei che potrebbero portarla via. Lei, nel frattempo, diventa irascibile, nervosa e lui, cliccando sulla sua QWERTY, la trasforma in una dolce e comprensiva donna, per sempre innamorata del suo Calvin.

Ma l’idealizzazione finisce e Ruby reclama la sua indipendenza: ha il diritto di lasciare quel rapporto e quella casa, ma non lui. Lui la cambia, scrive nuovi appunti sul suo carattere e la stravolge. Da distante diventa presente, successivamente diventa oppressiva e perciò Calvin ne modifica questa sfumatura caratteriale.

In questa storia folle e fantasiosa la realtà è presente ed assilla il protagonista quasi come fosse un coinquilino dispettoso. Ma la verità è che Ruby può essere diversa dalla idea platonica di fidanzata, disegnata da Calvin, sempre incapace di apprezzarla per quello che realmente è, non proverà a conoscerla né tantomeno ad amarla. Lei lo sconvolge e non pensa per un secondo di osservarla, la guarda solamente e pensa: “Deve cambiare”. Ma dopo la sua trasformazione che le è stata imposta, Ruby è davvero la sua Beatrice, la sua Laura? No: lei non è perfetta, Calvin vorrebbe continuare a cambiarla perché c’è quel dettaglio, ancora, che non lo convince e che pertanto non rende ideale la donna di cui ha scelto di innamorarsi.

Da ciò scaturisce la verità: Calvin non può innamorarsi di Ruby perché è già innamorato di se stesso. Le nostre creazioni, in questo caso un romanzo, ci rendono così fieri di noi che ci innamoriamo di queste piccole immagini mentali che siamo riusciti a rendere tangibili. I rapporti umani, però, stanno diventando micro-obiettivi dei nostri progetti: un lavoro, una casa e un partner. Tutto deve essere programmato e stabilito, e se qualcosa andasse fuori dagli schemi ecco che il nostro mondo collasserebbe. Questo è il motivo per cui idealizzare una persona è confortante e perché gli uomini, in questo caso, ci impartiscono “lezioni”. Ovidio dedica alle donne un intero libro su come conservare l’amore degli uomini, su cosa fare e su cosa evitare. Ma non sarebbe bello se la mia ira esplodesse e lui mi amasse di più per questo? Se un uomo mi vedesse amareggiata, non potrei alimentare il suo amore? Se lo sorprendessi e mi comportassi in maniera sgradevole, per i suoi standard, non sarebbe bello litigare e scoprire nuovi lati di noi stessi? Siamo esseri così complessi che non possiamo essere descritti con solo tre aggettivi, tutti positivi.

Zoe Kazan, per il ruolo di Ruby, è stata inizialmente ispirata da un manichino abbandonato. Perché essere un contenitore vuoto da riempire e decorare?

“Io voglio essere un flusso di vita, non una folata di favole” scriveva Sylvia Plath, ed io non potrei che essere più d’accordo.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati

Come sabbie mobili

Chiudi gli occhi, immagina per un secondo di vivere in un abbandonato quartiere di periferia, uno di quei posti dimenticati dal mondo, uno di quei

© All rights reserved PAROLAPERTA 2023