Il sud nel kantiere

Bologna è una delle più importanti città ad aver contribuito alla storia del rap italiano. Proprio qui è nata una delle prime posse all’interno dell’Isola nel Kantiere, l’Isola Posse All Stars, i cui membri hanno continuato a dare lustro al genere anche dopo lo smantellamento del centro sociale nel 1991. In questa narrativa ha però sempre poco spazio il Salento, che negli ultimi trent’anni è sempre stato strettamente collegato a Bologna nel panorama musicale hip hop nonostante la grande distanza dai centri culturali dell’epoca.


Proprio nell’Isola Posse All Stars, i membri salentini erano ben due ad affiancare i più conosciuti Neffa, Deda e Dj Gruff. Stiamo parlando di Treble e Gopher D; quest’ultimo collaborerà anche al disco “SxM” dei Sangue Misto (collettivo bolognese) nella traccia “La parola chiave”.
I due però preferiranno proseguire nei Sud Sound System, collettivo salentino che proprio in quelli anni registra a Bologna la prima versione del singolo “T’à sciuta bona” e porta nella città un suono nuovo con le dancehall e il genere del raggamuffin. I Sud Sound System possono, per l’appunto, vantare di aver contribuito alla nascita dell’hip hop italiano, influenzando Bologna ma anche il resto d’Italia, ad esempio con la presenza a Roma dello stesso Don Rico.


Andando avanti col tempo si può parlare anche di Inoki, il bolognese della leggendaria “Bolo by Night” che durante tutta la sua produzione artistica non si tirerà mai indietro da svariate collaborazioni con artisti leccesi come Mad Dopa o Terron Fabio. Inoltre, ha recentemente vissuto per svariato tempo in Salento, terra al quale ha dedicato il pezzo “Bandiera” in cui racconta di mangiare polpo appena sbattuto sullo scoglio e bere “mieru russu” per cena.


Questa bellissima favola da fuorisede quale io sono, che mi affascina sempre di più ad ogni pezzo di storia che scopro, continua anche con artisti giovanissimi, icone della trap italiana: sto parlando di Drefgold, artista di zona Massarenti e nato a Racale, che non nasconde affatto le sue origini: usa il termine “komparema” nella vita di tutti giorni e in tantissime canzoni rendendolo ben radicato nel suo slang. Inoltre, spesso si mostra nelle Instagram stories mentre ascolta pezzi dei Sud Sound System come “Friselle e Banana” o “Me basta lu sule”.

Spero che questo articolo segni l’inizio di una consapevolezza maggiore per chi lo sta leggendo: da cosa nasce la musica che ascolti? Chi ha reso importante la musica che ti piace nella tua città? Fatti queste domande e lasciati trasportare dalle vibrazioni e dalla loro storia. In poche parole: dai chiù valore a la cultura ca tieni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati

Come sabbie mobili

Chiudi gli occhi, immagina per un secondo di vivere in un abbandonato quartiere di periferia, uno di quei posti dimenticati dal mondo, uno di quei

© All rights reserved PAROLAPERTA 2023